Home

Linee guida ipertensione endocranica

L’ ipertensione endocranica idiopatica ( IIH) è un disturbo neurologico caratterizzato da un aumento della pressione intracranica ( pressione attorno al cervello) per causa ignota. Come suggerisce il nome, che è una malattia del cervello gonfiore che di solito è una condizione benigna ha una durata sé limitante. Ipertensione endocranica benigna Ipertensione endocranica benigna è anche conosciuto come pseudotumour cerebri. Pazienti con trauma cranico, con un punteggio GCS compreso fra 8 e 3 hanno un rischio di ipertensione endocranica in oltre il 60% dei casi e Gopinath in uno studio ha evidenziato un outcome sfavorevole quando la PIC era > a 25 mmHg, la PAM < a 80 mmHg e la PPC < a 60 mmHg. L’ IIH è anche chiamata pseudotumor cerebri ( PTC) perché “ imita” un tumore cerebrale ( entrambe le patologie comportano un aumento della pressione intracranica). Ipertensione endocranica, definizione: processo espansivo in uno spazio chiuso e rigido, quale è la cavità cranica, che porta ad aumento della pressione endocranica.

Essendo l’ ipertensione endocranica così pericolosa, l’ organismo possiede diversi meccanismi per mantenerla stabile, soprattutto legati al volume del liquido cerebrospinale circolante che varia di 1 mmHg negli adulti sani, grazie all’ equilibrio tra produzione e assorbimento dello stesso. Ipertensione endocranica benigna ( ipertensione intracranica idiopatica, cervello pseudotumore) si manifesta con una pressione intracranica aumentata senza segni di formazione volumetrica o idrocefalo; La composizione del CSF è invariata. Controllo della pressione endocranica. Ipertensione endocranica. Ipertensione endocranica, epidemiologia: colpisce prevalentemente donne obese; ultimamente è in ascesa presso la popolazione pediatrica.

Linee guida ipertensione endocranica. Questa patologia è più comune nelle donne in età fertile.